Up

19/05/2020 Sicurezza Covid-19: ulteriori misure per gli spostamenti e la ripresa delle attività produttive D.L. n. 33 del 16 maggio 2020

Con il nuovo decreto legge del 16 maggio 2020 n. 33 sulla G.U. n. 125 del 16 maggio 2020 il Governo sancisce le nuove ulteriori  misure per entrare nel pieno della  “fase 2” che saranno in vigore nel periodo compreso tra il 18 maggio e il 31 luglio 2020.

In sostanza vengono  disposte:

  •  la ripresa di tutte le attività economiche, produttive e sociali. E' importante rilevare che il decreto legge prevede che la ripresa delle attività economiche, produttive e sociali dovrà avvenire nel rispetto di protocolli idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o linee guida adottati a livello nazionale. In assenza dei protocolli regionali, si applicano i protocolli o le linee guida adottati a livello nazionale. Il mancato rispetto dei contenuti dei protocolli o delle linee guida, che non assicuri adeguati livelli di protezione, determina la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza, 
  • una serie di prescrizioni riguardanti gli spostamenti all'interno del territorio regionale o tra regioni diversenonché da e per l’estero. Evidenziamo che è demandato ad un DPCM la concreta attuazione delle maggiori misure previste in questo provvedimento (v. DPCM 17 maggio 2020 allegato alla InfoANITA(53)/SICUREZZA/SPOSTAMENTI7COVID-19/….,appena inviata) 
  •  Il provvedimento, inoltre, detta una serie di prescrizioni  per le persone fisiche relativamente agli  spostamenti all'interno del territorio regionale o tra regioni diverse:

- a partire dal 18 maggio non sussistono più limitazioni per gli spostamenti all’interno della stessa regione;

- fino al 2 giugno 2020 sono vietati gli spostamenti in una regione diversa e da e per l’estero, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute e ferma restando la possibilità di rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;

- dal 3 giugno 2020 non esistono più limitazioni per gli spostamenti sull’intero territorio nazionale e  da e per l’estero, sempre  salvo limitazioni che potranno essere adottate in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree.

  • Per quanto attiene alle sanzioni per l’inosservanza delle disposizioni del decreto legge è prevista una sanzione pecuniaria da 400 a 3 mila euro e, nel caso in cui la violazione sia commessa nell’esercizio dell’attività di impresa , è applicabile anche la sanzione accessoria di chiusura dell’attività da 5 a 30 giorni.

In allegato il testo del DL

 

 
 
Powered by Phoca Download
I cookies ci aiutano a fornire i servizi nel nostro sito. Utilizzando il sito l'utente accetta l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida.