Up

24/04/2020 Sicurezza sul lavoro-misure contenimento contagio Covid-19 nei luoghi di lavoro-documento tecnico INAIL

Facciamo seguito alle uinformative date sull'argomento (sotto riportate ns. precedenti mail), di grande importanza per le misure che le aziende sono obbligate ad adottareubblicata in questi giorni, informando che è stata pubblicata in questi giorni dall'INAIL un documento tecnico sulle misure cenimento del contagioid-19  sui luoghi di lavoro, frutto di un lavoro di ricerca condotto dall’Istituto anche in qualità di organo tecnico scientifico del Servizio Sanitario Nazionale.

 

La presente pubblicazione, approvata dal Comitato Tecnico Scientifico (CTS) istituito presso la Protezione Civile, al quale Inail partecipa, ed è composto da due parti: la prima riguarda la predisposizione di una metodologia innovativa di valutazione integrata del rischio che tiene in considerazione il rischio di venire a contatto con fonti di contagio in occasione di lavoro, di prossimità connessa ai processi lavorativi, nonché l’impatto connesso al rischio di aggregazione sociale anche verso “terzi”. La seconda parte si è focalizzata sull’adozione di misure organizzative, di prevenzione e protezione, nonché di lotta all’insorgenza di focolai epidemici, anche in considerazione di quanto già contenuto nel “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” stipulato tra Governo e Parti sociali il 14 marzo 2020.

 

Il documento contiene la metodologia della valutazione integrata del rischio , le strategie di prevenzione e considerazioni finali.

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per i documenti allegati a questa info  sotto fare riferimento alla data della mail

-------- Messaggio Inoltrato --------

Oggetto: Info/SICUREZZA SUL LAVORO/OBBLIGATORIO IL RISPETTO DELLE REGOLE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO PER IL CONTENIMENTO EMERGENZA COVID-19
Data: Fri, 17 Apr 2020 11:52:03 +0200
Mittente: Amis Rifiuti - info Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;
A: AMIS Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

 

SICUREZZA SUL LAVORO E RISPETTO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLE MISURE PER IL CONTENIMENTO DELL'EMERGENZA COVID-19.

OBBLIGATORIO IL RISPETTO DELLE REGOLE DEL PROTOCCOLLO CONDIVISO TRA GOVERNO E PARTI SOCIALI.

PREVISTI CONTROLLI DALLE PREFETTURE TRAMITE ASUR

 Come di consueto forniamo informative anche su questione diverse dalla disciplina della gestione rifiuti ma tuttavia utili per le aziende.

In previsione della continuazione comunque ripresa a presto (ce l’auguriamo) a pieno regime delle attività lavorative nelle aziende è IMPORTANTE ricordare l’obbligo del   rispetto delle regole di sicurezza del protocollo condiviso tra Governo e sindacat iper il contenimento dell’emergenza epidemiologica.

Questo è stabilito dalla legge infatti è ribadito anche nell’ultimo DPCM 10 aprile 2020  all’art. 2, comma 10 “ le imprese le cui attività non sono sospese rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 14 marzo 2020 fra Governo e parti sociali ”

Si ricorda inoltre che il rischio derivante dall’epidemia di coronavirus può essere qualificato come rischio biologico generico: a questo proposito, si osserva che gli artt. 266 e 267 del DLgs. 81/2008 (Testo unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro) dispongono, in capo al datore di lavoro, l’obbligo di tutelare i dipendenti dall’esposizione agli agenti biologici, ossia da qualsiasi microorganismo che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni.

Pertanto, a continuità delle informative derivate diffuse sulla questione (sotto riportate), si rimanda il testo del protocollo ufficiale del 14 marzo 2020 e  un quadro sintetico illustrativo delle misure di prevenzione redatto dalla rubrica Fiscal Focus (questo ad uso riservato)

Come prima sintesi si evidenzia alcuni delle principali misure da osservare quali:  

  • Sul datore di lavoro, quale responsabile della prevenzione e della protezione dal rischio biologico, gravano gli obblighi d’informazione, prevenzione e protezione dei lavoratori.
    Ta le misure di prevenzione rientrano i provvedimenti volti ad evitare il rischio biologico:

 

  • la chiusura degli spazi comuni;
  • la misurazione della temperatura all’ingresso in azienda;
  • l’adozione di un’organizzazione dell’attività tale da impedire i contatti interpersonali con gli altri lavoratori, i clienti ed i fornitori, come il ricorso allo smart working o lo spostamento delle postazioni.

Ø       Le misure di protezione non evitano “alla radice” il rischio epidemiologico, ma lo limitano; si annoverano tra le misure di protezione:

 

  • i dispositivi di protezione individuale da far indossare ai lavoratori: guanti, mascherine, occhiali, indumenti protettivi;
  • le attività necessarie per sanificare gli ambienti;
  • l’installazione di erogatori di gel antibatterici;
  • l’adozione di piccole pause con continuità per consentire ai lavoratori ripetuti lavaggi;
  • il frequente ricambio d’aria;

Per tutto il testo si rimanda al presente link: https://www.inail.it/cs/internet/docs/alg-pubbl-rimodulazione-contenimento-covid19-sicurezza-lavoro.pdf 

 
 
Powered by Phoca Download
I cookies ci aiutano a fornire i servizi nel nostro sito. Utilizzando il sito l'utente accetta l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida.