Up

07/04/2020 Fanghi di depurazione: rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità con indicazioni sulla gestione in emergenza Covid-19

L'Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha prodotto un documento (versione 3 aprile 2020)  che descrive le modalità operative per la gestione dei fanghi di depurazione, dal recupero al trattamento, smaltimento o riutilizzo, ed è indirizzato sia  agli operatori degli impianti di depurazione del servizio idrico integrato, sia  ai  gestori di tale tipologia di rifiuti sia infine dalle autorità ambientali e sanitarie che operano su tutto il territorio nazionale.

 

Vengono fornite raccomandazioni relative alle modalità di smaltimento dei fanghi trattati, nel rispetto delle prescrizioni normative di riferimento e limitatamente alle circostanze contingenti di emergenza della pandemia COVID-19 in corso.

 

Le  indicazioni sono finalizzate a garantire la sicurezza della gestione (recupero, trattamento, smaltimento o riutilizzo) dei fanghi di depurazione, per la prevenzione della diffusione del Coronavirus (COVID-19) e della trasmissione dell’infezione

 

A tal fine sono state considerate le evidenze ad oggi note per quanto concerne la trasmissione dell’infezione da SARS-CoV-2, le disposizioni normative e le correnti conoscenze e pratiche applicate al ciclo idrico integrato, con particolare riguardo alla depurazione delle acque reflue provenienti da insediamenti civili e produttivi.

 

L’ISS evidenzia la necessità di valutare le condizioni di trattamento dei fanghi di depurazione dalle acque reflue, in relazione alla possibile persistenza e virulenza di agenti infettivi.

L’ISS fornisce pertanto alcune raccomandazioni riferite alle principali modalità di gestione dei fanghi (compostaggio, digestione anaerobica, incenerimento o disidratazione termica, smaltimento in discarica, riutilizzo o in agricoltura), “limitatamente alle circostanze contingenti di emergenza della pandemia COVID-19 in corso”

 

Particolare attenzione inoltre è riservata all’utilizzo d i fanghi in agricoltura per i quali deve essere previsto un trattamento di stabilizzazione, e vengono indicate le condizioni per le quali i fanghi si intendono comunque igienizzati.

 

Per le attività interessate si rinvia al rapporto ISS in allegato

 
 
Powered by Phoca Download
I cookies ci aiutano a fornire i servizi nel nostro sito. Utilizzando il sito l'utente accetta l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida.