Up

05/05/2020 Sicurezza sul lavoro - Fase 2 Covid-19: la direttiva del Ministero dell’Interno con indicazioni sui controlli del rispetto dei protocolli per le attività produttive

Nel riagganciarci alla comunicazione e-mail di ieri (sotto riportata) alla quale  è allegata la Direttiva Ministero dell’Interno n. 29415 del 2 maggio 2020, riteniamo importante porre l’attenzione che la Direttiva in questione, oltre a contenere indicazioni sul rispetto delle misure relative agli spostamenti delle persone e sulle attività economiche commerciali e di ristorazione, contiene un intero capitolo dedicato alle attività produttive.

Con il documento il Ministero  ha fornito indicazioni operative, riguardo alle prescrizioni del nuovo DPCM 26 aprile 2020, relative alle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza sanitaria, applicabili sull’intero territorio nazionale, a decorrere dal 4 maggio e fino al 17 maggio 2020.

In particolare, per le attività produttive industriali e commerciali, la direttiva precisa che la prosecuzione delle attività consentite, il cui elenco è stato ampliato rispetto a quello contenuto nell’allegato 3 del DPCM 10 Aprile, è subordinato al rispetto dei contenuti del Protocollo di sicurezza negli ambienti di lavoro, sottoscritto il 24 aprile 2020 tra Governo e le parti sociali, nonché, per i rispettivi ambiti di competenza, del Protocollo di sicurezza dei cantieri e del Protocollo di sicurezza nel settore del trasporto del 24 aprile  e della logistica del 20 marzo 2020 (vedi ns. Info/66/DPCM 26 APRILE 2020 -FASE 2, RIAPERTURA DELLA ATTIVITA’ DAL 4 MAGGIO del 28 aprile e Info/64/SICUREZZA SUL LAVORO IN EMERGENZA COVID-19: INEGRATO IL PROTOCOLLO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO FRA GOVERNO E PARTI SOCIALI del 27 aprile)

Queste attività possono essere proseguite senza nessuna comunicazione preventiva ai Prefetti perché  il sistema della verifica della sussistenza delle condizioni richieste per la prosecuzione delle attività aziendali è sostituito con un regime di controlli sull’osservanza delle prescrizioni contenuti nei Protocolli sopra citati.

A tal fine si prevede per le autorità preposte al controllo la costituzione, in sede di verifica e accertamento, di nuclei a composizione mista che prevedano l’apporto, nell’ambito delle rispettive competenze, di personale delle articolazioni territoriali del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, dell’Ispettorato nazionale del Lavoro e del Comando carabinieri per la tutela del lavoro, nonché delle Asl.

L’eventuale trasgressione dei contenuti dei tre Protocolli, sopra citati, comporterà l’applicazione del sistema sanzionatorio previsto dall’art. 4 del decreto legge n. 19 del 2020, che prevede sanzioni amministrative pecuniarie e accessorie, a meno che il fatto costituisca reato. La verifica dell’eventuale sussistenza degli estremi di un illecito penale dovrà invece fare riferimento al quadro normativo delineato dal decreto legislativo n. 81/2008 in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Si evidenzia, altresì, che l’obbligo della preventiva comunicazione al Prefetto rimane unicamente con riguardo alle attività sospese, in quanto non incluse nell’elenco di cui all’allegato 3, e al solo fine di ammettere l’accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati allo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti, attività di pulizia e sanificazione, nonché per consentire la spedizione verso terzi di merci giacenti in magazzino nonché la ricezione in magazzino di beni e forniture.

 

COVID-19 - LA FASE 2-SPOSTAMENTI: CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL'INTERNO  E NUOVO MODELLO AUTODICHIARAZIONE

Le news sulla "fase 2" sul sito del Governo al link sotto indicato 

https://www.interno.gov.it/it/notizie/covid-19-line-modello-autodichiarazione-spostamenti-dal-4-maggio 

Domande frequenti sulle misure adottate dal Governo su 

http://www.governo.it/it/faq-fasedue

In allegato anche la Circolare del Ministero dell'interno sugli spostamenti nella fase 2 
 
 
Powered by Phoca Download
I cookies ci aiutano a fornire i servizi nel nostro sito. Utilizzando il sito l'utente accetta l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida.